Sostenibilità

Il nostro approccio
alla sostenibilità

Il nostro approccio
alla sostenibilità

Difficile fare una classifica delle cose più indispensabili alla nostra vita. Ma il cibo è tra le prime, assieme all’aria che respiriamo e all’acqua che beviamo. Un terzo delle emissioni di gas che minacciano il clima della Terra viene dal settore agroindustriale. L’industria agroalimentare ha una grande responsabilità e ripensare l’attuale modo di produrre cibo può davvero fare la differenza per cambiare in meglio il nostro futuro. Aziende come Colussi, con più di 100 anni di storia, sanno bene che serve una svolta. Per questo abbiamo deciso di dare il nostro contributo allo sviluppo sostenibile scegliendo la strada dell’innovazione. Un’innovazione concepita non soltanto in termini di prodotto e di efficienza tecnologica, ma anche come cambiamento degli attuali modelli di produzione e consumo per costruire uno sviluppo in equilibrio con l’ecosistema e le comunità. Siamo partiti dai consumi più impattanti: riduzione della plastica dai packaging, filiera alimentare, energia, riciclo e riutilizzo, ottimizzazione dei trasporti, riduzione degli sprechi. Abbiamo insomma intrapreso un percorso per poter contribuire, attraverso l’alimentazione ad un futuro più equilibrato e sostenibile.

LE AREE DI INTERVENTO PER LA SOSTENIBILITÀ

Un packaging
amico dell’ambiente

Un packaging
amico dell’ambiente

Il Gruppo Colussi è la prima azienda alimentare che ha scelto un packaging compostabile per molti dei suoi prodotti da scaffale. Incarti che, invece di finire nella raccolta differenziata della plastica, sono destinati a entrare nel bidone dell’umido, da cui – dopo un trattamento di compostaggio industriale – escono come terriccio. Grazie alla stretta collaborazione con un gruppo di realtà italiane di eccellenza, abbiamo prodotto una confezione innovativa, realizzata con il Mater-Bi, un materiale derivato da mais e cellulosa che offre le stesse caratteristiche di qualità, sicurezza e durata della plastica tradizionale ma è fatto con scarti vegetali.

Inoltre il Gruppo Colussi sta sostituendo, dove possibile, la plastica degli imballaggi con carta certificata FSC® (Forest Stewardship Council®), proveniente da filiere forestali gestite in modo responsabile.
Nel 2020, grazie alle confezioni compostabili e alla sostituzione con la carta FSC, abbiamo evitato la produzione di quasi 12 milioni di confezioni di plastica usa e getta: 100 tonnellate di plastica in meno, rispetto all’anno precedente. E l’obiettivo per il 2021 è di arrivare a 36,8 milioni di confezioni di plastica risparmiata.

Un patto per l’agricoltura sostenibile con la filiera controllata

Un patto per l’agricoltura sostenibile con la filiera controllata

Se dal 2017 con la pasta Misura e dal 2018 con Agnesi già acquistavamo solo grano duro 100% italiano, dal 2020 abbiamo scelto di utilizzare solo grano da filiera 100% italiana per la pasta Agnesi, Misura e per alcuni prodotti da forno di Misura e Granturchese. Il modello della filiera consente un presidio della qualità del prodotto e della sua sicurezza, che viene tracciata e controllata a partire dalla coltivazione dei campi fino al prodotto finito.

Abbiamo avviato un progetto di filiera nel territorio umbro per la coltivazione di idonee varietà di frumento che possano fornire la materia prima ideale per i nostri prodotti.

Abbiamo stipulato dei contratti di coltivazione con alcune aziende agricole locali, a cui abbiamo chiesto di aderire a un disciplinare di coltivazione sostenibile e a cui riconosciamo un premio di coltivazione per eseguire attività mirate all’ottenimento di un prodotto d’eccellenza e rispettoso dell’ambiente.

Il progetto di filiera Umbra è seguito in stretta collaborazione con l’Università degli Studi di Perugia che conduce sperimentazioni sulle migliori varietà di grano e su pratiche colturali sostenibili. Il 5% delle aree coltivate è infatti destinato alla sperimentazione di tipologie di frumento che possano essere coltivate con un utilizzo limitato di prodotti chimici.

La nostra filiera sostenibile copre quest’anno complessivamente oltre 4.500 ettari, con un 5% circa di incremento di superficie rispetto al 2020. Oltre 16.000 tonnellate del grano che utilizziamo nei prodotti da forno dei nostri Brand provengono da campi che aderiscono a questo patto.

Scarica il Programma di Sviluppo Rurale per l’Umbria
P.S.R Umbria

Energia sostenibile per fermare il cambiamento climatico

Energia sostenibile per fermare il cambiamento climatico

Consumare meno energia e consumarla verde. Sono questi i due primi strumenti nella nostra strategia di contrasto ai cambiamenti climatici.

Nei nostri stabilimenti abbiamo effettuato degli interventi di efficientamento energetico e abbiamo avviato un sistema di monitoraggio e gestione dei consumi elettrici, oltre che di acqua e metano. In due anni, dal 2018 al 2020, questo impegno ci ha permesso di ridurre dell’8% la quantità di energia utilizzata per ogni prodotto. L’impegno che ci siamo dati è quello di ridurre del 15% le emissioni di gas serra per ogni prodotto che esce dai nostri stabilimenti entro il 2024 rispetto ai livelli del 2018.

Scarica il Poster informativo relativo al POR FESR 2014‐2020
Poster informativo

Sempre nei nostri stabilimenti il 100% dell’elettricità è prodotta da fonti rinnovabili. Così, tra il 2019 e il 2020 abbiamo evitato le emissioni di 14.000 tonnellate di CO2, il gas che maggiormente minaccia la stabilità del nostro clima. È come se si fermassero per un anno 10.000 auto.
Tutte le emissioni che non riusciamo a evitare vengono azzerate da un’attività di compensazione della CO2 nella Laguna di Venezia.

Ma oltre all’impegno interno agli impianti produttivi, abbiamo lavorato sul sistema dei trasporti delle nostre merci per individuare tutti i possibili metodi per diminuire e razionalizzare i flussi. Un’attività che ci ha permesso di ridurre effettivamente i chilometri percorsi a parità di volumi.

Assieme ai nostri fornitori verso la sostenibilità a 360°

Assieme ai nostri fornitori verso la sostenibilità a 360°

Al fine di ridurre le emissioni legate al trasporto delle merci, Colussi predilige l’acquisto delle materie prime dai fornitori più vicini a livello geografico. Il 99% della spesa per materie prime alimentari proviene da fornitori italiani.

Non basta l’attenzione alla filiera alimentare, per ridurre l’impatto di un’azienda sull’ambiente. Nel 2020 il 96,2% delle confezioni e materiali di imballaggio acquistati da Colussi sono state prodotte nel nostro Paese.

E ogni volta che è possibile, Colussi utilizza materiali riciclati. L’anno scorso, il 73% del totale della carta acquistata per il confezionamento proveniva da riciclo. La maggior parte dei materiali impiegati per gli imballaggi primari e secondari è riciclabile o riutilizzabile.

Entro il 2021, il 100% dei fornitori materie prime verrà valutato sulla base di criteri di sostenibilità: la responsabilità sociale e ambientale è un percorso comune che riguarda tutti gli attori della filiera, dall’inizio alla fine della vita del prodotto.

Riforestazione per aiutare città e clima

Riforestazione per aiutare città e clima

Misura ha finanziato 10 progetti di riforestazione da nord a sud in 9 regioni per rinverdire, risanare, aiutare l’Italia: a Torino, Milano, Pordenone, Sant’Arcangelo di Romagna, Palo Laziale, Roma, nel parco nazionale del Vesuvio e in quello del Gargano, sui calanchi di Matera. Abbiamo scelto le aree più vicine alle esigenze delle comunità locali, spesso in grandi e medi centri abitati, per comporre una grande tessera di rigenerazione territoriale lungo la penisola. In totale, sono stati messi a dimora 13.400 alberi, per un totale di 9.380 tonnellate di CO2 assorbita nel corso della loro vita.

Si tratta di un impegno che non si esaurisce nel momento della piantumazione: sono progetti efficaci e duraturi, che verranno sostenuti e curati nei prossimi anni, capaci di resistere nel tempo. Un tassello del contrasto alla crisi climatica.

Formazione delle persone

Formazione delle persone

Ci impegniamo quotidianamente per rendere la nostra realtà un luogo di crescita per i giovani talenti e per esperti professionisti. Per questo abbiamo incrementato, ormai da qualche anno, la quantità di ore di formazione per i dipendenti, focalizzando le risorse in tema di sicurezza sul lavoro, implementazione di soft skill e di competenze tecniche.

Coinvolgimento dei dipendenti verso il comportamento sostenibile

Coinvolgimento dei dipendenti verso il comportamento sostenibile

Lo sforzo per adottare modelli più sostenibili è condiviso a tutti i livelli dell’organizzazione, anche in riferimento alle abitudini quotidiane che possono portare a dei grandi risultati se riescono a cambiare il comportamento di ognuno.

Per questo motivo si è intrapreso in azienda un percorso di monitoraggio e di riduzione al minimo della carta utilizzata per le attività di fotocopie e stampa, un’attenta gestione della raccolta differenziata, e un progetto di sostituzione della plastica monouso utilizzata all’interno delle sedi aziendali per acqua potabile e caffè.

Contro lo spreco

Contro lo spreco

Banco alimentare

In un’ottica di lotta allo spreco alimentare e di sostegno al tessuto sociale, dal 2017 Colussi collabora con Banco Alimentare per ridurre lo spreco di cibo e dare sostegno alle persone in difficoltà. Nel 2020 abbiamo consegnato al Banco Alimentare pasti per 18 milioni di porzioni, e l’obiettivo è quello di far crescere la quota destinata alle mense e alle persone in difficoltà.

Bilancio di Sostenibilità

Il Gruppo Colussi rendiconta, in conformità agli standard internazionali sul reporting di sostenibilità, i risultati raggiunti e gli obiettivi futuri. Il Bilancio di Sostenibilità è un resoconto trasparente e condiviso della nostra identità, del contributo allo sviluppo economico e sociale, del rapporto con l’ecosistema e con le comunità locali. Un impegno che indica la strada verso il futuro che vogliamo.

Nuovo Bilancio di sostenibilità 2020 Gruppo Colussi
Download Bilancio di Sostenibilità 2020

Storico dei Bilanci di sostenibilità Gruppo Colussi
Download Bilancio di Sostenibilità 2019